Su di me

Francesca Perinelli è nata e vive a Roma. Ha deviato dagli studi classici diventando, contro ogni buon senso, architetto. Lavora per una società di servizi nella quale si occupa di efficienza energetica, e in parallelo scrive.

Ha pubblicato con l’editore Giulio Perrone, tra il 2011 e il 2012, i racconti “Soddisfazioni di un’impiegata” nell’antologia di AA.VV. “Quel giorno in un attimo…”, “Guarda e impara” nell’antologia di AA.VV. “All’improvviso in un giorno qualunque” e “Il sapore della vigilia” nell’antologia di AA.VV. “La sostanza delle cose”.

Nell’Aprile 2013 viene pubblicato dalla casa editrice L’Erudita il racconto “Il senso di una sfioritura” nell’antologia dedicata alla Capitale “’Sta passeggiatella che mi taglia il cuore”.

Una sua “canzone” di sapore petrarchesco viene inclusa nella raccolta completa delle Lodi del corpo maschile, a cura di Alessandra Celano e Giulio Mozzi,  pubblicate in Vibrisse tra luglio e settembre 2013.

Il racconto “Le mutazioni del tempo” è finalista del concorso Rarestorie, indetto nella primavera 2013 dal DUDE magazine e viene pubblicato nel volume Rarestorie, nonché  sul sito del dudemag, dove è possibile leggerlo integralmente.

Sul web, oltre a curare  iCalamari, collabora alle inchieste del progetto “LIB21 – Per la qualità della vita” e con il blog Cartaresistente con la serie di racconti a due voci “Dicotomie resistenti” e con scorci della città di Roma nel ciclo “Città Raccontate”.

me_tweet

§§§

In caso di richieste di informazioni, di rettifiche, effettuazione di segnalazioni, o altro, basta compilare il form sottostante. La risposta verrà data appena possibile.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 308 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: