Il lampadario

.

Una chincaglieria poetica, pubblicata su Vibrisse  per il nuovo gioco poetico lanciato da Giulio Mozzi.

[Le regole del gioco sono qui].

Un solo lampadario pende e illumina
il sottostante desco a casa mia,
è unico e proviene da Murano,
uscito da una nota vetreria.
Faceva bella mostra da mia nonna,
adesso ce l’ho io, mi ero impuntata:
la luce frammentata dalla gonna
colora anche da spento la giornata.
Nel resto degli ambienti lampadine
che penzolano in basso dai supporti
dimostrano che le sole cose vive
son quelle che appartenevano ai morti.

 

.

(Sono pentita del penultimo verso, farò penitenza in qualche modo)

.

Tag: , , ,

4 Risposte to “Il lampadario”

  1. tramedipensieri Says:

    Perché pentita?
    Trovo che la chiusa sia significativa…mi piace!

    Ciao Francesca

    Mi piace

  2. Moralia in lob Says:

    Bella.. Si forse un pò stona,ma non essere troppo dura con te stessa 😉
    Ciao

    Mi piace

  3. frperinelli Says:

    Ero incerta su metrica e rime, e si nota. Ma sono comunque più che morbida nei miei confronti visto che l’ho pubblicata lo stesso 😀

    Mi piace

  4. Barney Panofsky Says:

    Bella! E bellissimo il lampadario.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: