Archivio dell'autore

The Square. Tra quattro Mura – Philadelphia

7 dicembre 2021

di Stefano Mura

20-0091Filmy
Ascolta la lettura dell’autore

L’hotel Philly è un brutto motel sulla statale per Philadelphia. Dalla finestra si vedono
quattro stelle, ecco è arrivato il giorno della fine del cielo, la desolazione bastava a sé
stessa e neanche l’immaginazione poteva avvalersi del suo potere tanto ero impreparato al
ritmo nero di un cielo così oscuro dopo una notte di semi secchi e frutti acerbi; sono
convinto che pure Dio aprendo l’occhio triangolare abbia sbattuto la palpebra, stupito, e
abbia pensato di levare l’àncora e tuttavia poi oggi la giornata è bella sulla statale.
Durante la visita a Valley Forge la donna era in giallo: sapete amo gli eucalipti.
Un uomo arriva lento, noi intanto sedevamo, il tipo gira intorno alla scultura di George
Washington, indietreggia per osservare – e, non so se notasti – esitò. Sotto le finestre del
motel la strada è piena di automobili, case scrostate tutte uguali, odore di fritto rancido e
di persone rapaci, e poi sostengono che l’America sia la terra delle opportunità ma in
Chestnut Street si sparano addosso tra i castagni, in Walnut Street si sparano addosso
tra gli alberi di noce, a Market Street si sparano addosso sotto la molletta degli
Amish a Liberty Bell, mangiano granchi fritti a Samson Street. Adesso spero piova
e che le gocce cadano sulle lingue della desolazione forse pioverà sulla disperazione che
estingue persino la purezza della tristezza, ah se piovesse le gocce batterebbero su
desideri divenuti oscuri per cresime contro natura. E come canne sotto la pioggia
potremmo essere: pratiche con la grazia di cedere eppure inflessibili, gocce e radici
che sbriciolano rocce.


Stefano Mura scrive poesia. Tra i suoi ultimi libri di versi Ponteggi (Edizioni Progetto Cultura,2015), Il criterio dell’ortica (Manni, 2016), L’ordine alfabetico (Zona, 2018), Tempo di latenza (Edizioni Progetto Cultura, 2019) e La buona materia (Fefé, 2021). Attento alla visione teatrale partecipa ai lavori della Casa dello Spettatore, e per la vocalità legge con gruppi di lettura drammatizzata a voce alta. Ama la motocicletta. Ha vissuto e lavorato all’estero.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: