Archive for the ‘Post-it’ Category

La luce, il 29 luglio

29 luglio 2020

Tra mezzanotte e luglio

da lontano

t’ho chiesto d’accettare

– Apri la bocca, tieni

il mio regalo.

Il tuo orizzonte è chiuso

– Qui è tutto spalancato

le nuvole non lasciano passare

– La luce brucia ai margini

e il blocco nei perimetri è tornato

– Scandaglia punto a punto

dove tu migri sempre

– Nella fotografia

dove ti cerco

dove ci ritroviamo

dove mi è dolce offrirti

ancora

– Di più non saprei fare

l’augurio di star bene

e di restare.

 

 

Che resti

5 giugno 2020

Ero al mare, senza mascherina, accanto alla mia amica fica, quella bella colta e strafottente, quella che non la manda a dire e che, quindi, che ve lo dico a fare, con lei ci amiamo proprio perché siamo dalla stessa parte, a questo mondo. Ero lì, sdraiata tra folate fredde e i baveri dell’asciugamano che mi schiaffeggiavano la faccia e se ne andavano in giro arrotolati ai bordi della sdraio che, come la mettevi la mettevi, quel giorno il vento non riuscivi a evitarlo, con la sabbia che, poi l’ho scoperto, violava la mia intimità andando ad accumularsi là dove non batte il sole (e neanche il vento, almeno in quel momento).

E dicevamo: che palle ’sto facebook e ’sto instagram e tutte le chiacchiere inutili e le pose, e tutti che dicono tutto su ogni cosa, ma poi chi se ne frega, no? Quello che penso, finché lo penso resta mio. E tutt’al più lo dico a qualcuno a cui importa, se è il caso e se mi va. E il mio compleanno, chi si ricorda, bene. Gli altri che pena, leggere e poi rispondere sempre grazie, quando è chiaro come la chiara d’uovo sbattuta a morte finché non si fa meringa, che non pensavano a me almeno da un anno.

Ma chi è tutta ’sta gente?

Quella in carne e ossa, poi. Che se scatto una foto al panorama, e poi ne scatto un’altra, e poi un’altra ancora, salta su da dov’era nascosta e chiede: E poi a chi le mandi? Le posti? Eh, Le posti?

Ma no, hai voglia a dire che lo fai per te, che ami fotografare. E che su instagram ci va il cacchio percento di quello che ti piace trattenere. E solo per dare segni di vita, a chi poi, ti domandi. Ma davvero.

Basta, le ho detto alla mia amica fica, adesso tolgo tutto. Via feisbuch, via istagramme, via qui e via là, via pure la sfiga di tenere un blog.

E no, il blog perché? – Mi ha chiesto.

Il blog perché, che palle pure quello.

Ma il blog che c’entra. Quello lo puoi tenere, è bello.

È vero – ho riflettuto – e la cosa più bella è che non ci va nessuno. Nessuno che commenti, perché non seguo gli hashtag. E perché per pigrizia non commento gli altri. Ok, anche perché non sembri piaggeria. Come nessuno viene a scovare il genio, perché qui c’è solo una raccolta di brogliacci. Involuti e contorti. Fuori moda, fuori grazia, fuori dai giri, insomma. È un po’ come noi due oggi sdraiate al mare. A prendere gli schiaffi del vento, bianchicce e fuori forma, nascoste ma felici.

Va bene, il blog lo tengo.

Vediamo l’altra roba. Dato che non m’importa, potrebbe anche restare.

31 Gennaio

31 gennaio 2020

31 gennaio

Di seguito una carrellata dei contenuti salvati sul telefono dall’ultima volta che sono passata sul blog.
Tutti ottimi motivi per distrarmi. Mi ricordassi poi i singoli perché.
Quasi una caccia al tesoro,   mi metterò a ricostruire il percorso fatto, dopo stasera.
Buona serata.

1) Otessa moshfegh “il mio anno di riposo e oblio” – Feltrinelli.
Michael Pollan “Come cambiare la tua mente” – Adelphi.
2) Hemingway “In un altro paese”.
3) Essere nello stesso momento in due posti diversi. O anche: avere una morale e comportarsi in due modi diversi.
4)
– Ciao.
– A quanto sta oggi il ciao?

– Dipende.
4) Riflessioni sul rimorchio a strascico per strada. Ha una voce da paperino anche se è bellissimo, rischio!
In generale gente disponibile non si concede in strada per prudenza, mancanza di tempo, modo invadente e non richiesto.
5) Come si ferisce una persona senza volerlo e senza che ci importi se ci sfancula. Basta che la persona non conti nulla.
6) Racconto di Andrea: ignoto con vassoio di paste gira Roma di notte a sbafo ingannando neopatentati.
7) Antica Galeria.
8) Otessa moshfegh “il mio anno di riposo e oblio” – Feltrinelli.
Michael Pollan “Come cambiare la tua mente” – Adelphi.
9) Cate Blanchett.
10) Daniel Goleman Intelligenza emotiva
PNL
11) Lucio Corsi “Senza titolo”
12) Ora sono qui:


Monk, Roma

Diario dei sogni #2 – Prima del buzz

21 dicembre 2019

Ti mantenevo la promessa fatta, una promessa a mo’ di imposizione. Facciamo cose insieme, potremmo andare a Londra, o sollevare pesi, o allevare un cane. La più probabile, tanto per cominciare, potrebbe essere quella di cucinare. No, non che abbia una qualche tradizione da esibire, né che cucini in modo strepitoso. Ci sono due cosette che so fare, e a quelle due tu non hai detto no. Dovresti solo metterti a impastare ma mi hai assicurato che ti piace, mi sembra sia la giusta condizione.

Che tu mi segua non è per devozione, non è per noia, neppure per dovere. Mi segui solo perché tu mi vuoi bene, altri motivi non voglio immaginare. Ti ho chiesto tempo per spartire dolcezza, una crostata oppure un ciambellone. Abbiamo l’occorrente e tutti gli strumenti, e ti ho aggiustato addosso anche il grembiule. Si parte, prendo il cartone e con le mani ti passo le uova. Ma tu ti metti a fare il giocoliere, qualcuna cade e si rompe, e a te sta bene, mi dici di guardare. Intanto ridi: dai gusci escono implumi degli umidi pulcini.

Versando la farina notiamo chicchi scuri. Alcuni si aprono e crescono, formando delle spighe. Dovremmo mieterle? Penso sia meglio rinunciare. Rimetto via lo zucchero e il tegame. Sarebbe proprio tutto da rifare, se non che è quasi ora di svegliarmi, e non mi sento di ricominciare.

Mi dici: Ho fame, mangiamo pane e miele. Apro il barattolo e mi metto a spalmare, copro le fette ma il coltello vibra. Dietro il ronzio ci si presenta un’ape, poi fa un concerto tutto l’alveare.

Buzz-Buzz-Buzz-Buzz-Buzz-Buzz-Buzz-Buzz-Buzz-Buzz-Buzz-Buzz-Buzz-Buzz-Buzz-Buzz…

 

Riparare il cielo

12 dicembre 2019

 

Il fiotto luminoso ha attraversato il nero

qui sotto a gradi zero

mentre lassù a zero

viaggia la gravità.

Lama gli fu

una prima Gemeide frettolosa

che gli produsse un taglio alla Fontana.

Morì nascendo, facendogli cucù.

Urge una stella ora

Urge che sia

dai gusti appena un po’ meno d’antan,

meglio trovarla a forma di banana

e dello scotch da cielo,

per ripararlo alla Cattelan.

 

 

How to

7 dicembre 2019

La stava lasciando, e lei lo consolava. Le diceva di avere un’altra più importante, e lei lo incoraggiava. Si sentiva in colpa, e lei sminuiva. Perché provava un profondo, acuto dilaniamento. Avrebbe potuto coprirlo di improperi, e invece gli disse solo:

– Beh, mi è piaciuto tantissimo stare con te, ma l’ho sempre saputo che non saremmo andati lontano. D’altra parte, – scoccò un’occhiata significativa, – non abbiamo praticamente niente in comune. Anche se di te mi importa ancora. Spero che ci terremo in contatto, vorrei tanto seguire le tue evoluzioni nella vita.

Parlava e guardava il disegno del tappeto davanti alle punte dei piedi. Si tenevano lontani, lui le era seduto accanto e sottolineava parti del suo discorso con un dondolio in avanti della testa. Era d’accordo con lei maledizione.

– Vedi, sotto tanti aspetti sei molto maturo, anche più di me, perché hai saputo lanciarti al momento giusto, hai fatto scelte coraggiose e questo ti ha formato, si vede da come parli, da come ti muovi, da come ti comporti. Ma sotto tanti altri, non prenderla come una critica, se parlo così è perché a te ci tengo, e vorrei provare a trasmetterti qualcosa di positivo, qualcosa che tu possa utilizzare magari in seguito, quando un giorno potrà esserti utile, e allora chissà, forse ti verremo in mente io e queste parole, stavo dicendo, sotto tanti altri aspetti, sei ancora un ragazzino. Ecco, penso che io avrei bisogno di frequentare un uomo.

– Ecco, sì, probabilmente hai ragione. E, secondo te, cosa potrei fare per riuscirci?

Si sentì destabilizzata. Non era pronta a quella risposta interrogativa. Tipico di lui, del suo metodo per avanzare nella vita. Domandare, cercare risposte, sperimentare. Spremere le intuizioni e l’esperienza altrui. E solo dopo sporcarsi le mani. E quindi imparare, e superare i maestri. Lei lo riconosceva, non era altrettanto brava, o non aveva altrettanta faccia tosta. Fece finta di non capire.

– A fare cosa?

– A… migliorare, a diventare un uomo.

– Ma, quello verrà naturale. Non posso mica dirtelo io. Sarà l’esperienza a farti trovare la strada. L’esperienza è tutto…

– Sì ma tu dici che sono ancora un ragazzino. In cosa posso ancora migliorare?

Dialogava con lei come se fosse una conversazione qualsiasi, come se non sapesse che quella sarebbe stata l’ultima volta che si sarebbero visti. La sua neutralità la metteva a dura prova, e tentennò nel rispondere. Sapeva di dare l’impressione di tenere tutto per sé il segreto della maturità, mentre stava solo nuotando nella confusione.

La verità era che se avesse incontrato un uomo nel senso che aveva detto, forse non lo avrebbe riconosciuto. Lei stessa non si sentiva che una ragazzina, attratta da immaturi come lei. Il discorso si arrotolò su sé stesso e lui fu così gentile da proporle di uscire.

Così, l’uomo immaturo e la ragazzina supponente uscirono dalla casa, si infilarono in macchina e uscirono anche da quella, entrarono in un locale, rimasero un po’ bevendo e parlando a stento, mentre fioccavano le telefonate di controllo dell’altra, finché uscirono pure dal locale, tornando da dove erano partiti quella mattina. In conclusione, lui uscì dalla macchina da solo, lei invece guidò ancora per qualche tempo, trovò dove parcheggiare e spense il motore.

Non uscì di lì. Non le importava di ragioni o torti. Di maturità supposte. Di lezioni da dare o da imparare. Quello che voleva, che aveva sempre voluto, era restare.

Trattatello sulle non dipendenze

5 dicembre 2019

Rosa Covarrubias ritratta da Tina Modotti

Una pietra nel letto del fiume prende la forma che le dà la corrente e il continuo contatto e sfregamento contro le altre pietre. Il corpo, questo corpo, col passare degli anni viene come smussato, levigato, raggiunge la sua verità. Perdendo il comodo e robusto anonimato degli strati più superficiali, come un sasso lavorato dallo scorrere dei giorni, si fa sempre più delicato, più singolare, e più prezioso. Per questo capita di scorrerne le singole parti e rendersi conto di dover loro una cura attenta. Capita, avanzando nell’impreziosimento, di correggerne l’inclinazione delle sfaccettature perché catturino meglio la luce o di dover rimediare alle sbeccature procurate dagli scontri con la Storia. A ogni aggiustamento segue una rinascita. Occasioni da non mancare.

Il corpo, questo corpo, curato quanto l’entità autocosciente che lo pervade e che per convenzione si può chiamare anima, finisce col coincidere sempre più con la me più vera, quella che prende forma dallo scorrere dell’esistenza e dal continuo contatto, scontro e sfregamento con tutti gli altri sé che incontra.

Sono la consapevolezza e il rispetto, l’irrobustimento del nucleo, la saldatura a questo delle forme più esteriori fino ai semplici moti di spontaneità, che consentono il salto nella naïveté, l’immersione nella condizione sciamanica, l’abbandono alla contemplazione e alla primitività di gesti e comportamenti. Non fughe ma avvicinamenti a cui non sono funzionali escamotage, né isolamento, né amplificatori del sentire. È tutto qui, che aspetta solo di non avere altre barriere per il suo utilizzo che il presentarsi di un’opportunità colta dalla lucida coscienza di esistere.

Namaste.

 

 

Fuori non osano

2 dicembre 2019

 

Ti manca velleità di altre avventure

mentre la pioggia sfianca foglie e tetti

e tu la vuoi raggiungere là fuori

dove non osano le tue paure.

 

 

Diario dei sogni #1 – Pesci volanti

1 dicembre 2019

Ho un amico che riesce a tenere un diario dei sogni. Ai bei tempi in cui sognavo anche io, tentavo di fermarne il ricordo, alla mattina. Ma mi riusciva male. Ne perdevo le tracce via via che la mano riacquistava l’uso della penna e i sogni, in qualche modo, mentre li trasferivo su carta, si accorciavano, si facevano piccolissimi e si accartocciavano anneriti e indistinguibili, disperdendosi come brandelli di pagine incenerite all’istante dalla fiammata della veglia.

In realtà, ho capito solo di recente, è la capacità di raccontare che non è innata in me, e che necessita di coscienza e di lucidità per strutturare in frasi le forme intuitive in cui si mostrano le idee, così anche i sogni. Quando la notte finisce, il regno della subcoscienza non apre subito le braccia e continua a circondarmi mentre ciondolo per casa, sussurra sulla mia nuca teneri incantamenti che mi ingannano, e mi ritrovo a tirare su lo yogurt con gli occhiali.

Altro che diario. Che tanto mancherebbe dell’oggetto: quei sogni che una volta saltavano fuori a nastro come pesci volanti per ore, ormai lasciano campo libero a M.me Subcoscienzà e le sue perfusioni mattutine di confusione senza costrutto.

Pazienza per gli appunti mancati. Ma senza sogni che nobilitino le mie notti, devo adattare i giorni a ricoprirne il ruolo. Vivo, e intanto mi organizzo la memoria: Questo ricordo lo tengo, questo lo tengo, questo lo do via. A parte il fatto che inciampo per la distrazione, mi sbuccio le ginocchia e mi si smagliano le calze, è una faticaccia, al termine della quale spesso mi sono scordata le decisioni prese e mi ritrovo con dei ricordi inutili che sbucano a casaccio dai cassetti, e quelli che fino a ieri stavano sempre in mezzo ai piedi, non si sa più dove sono finiti quando servono, signora mia.

Per non parlare del consolidamento delle esperienze: dar loro il giusto peso non è questione da poco. Per non sbagliare mi porto i pesi a casa, li accumulo per mesi, finché passa la data di scadenza e finisco per buttarli tutti nell’indifferenziata.

Non sogno perché mi manca il tempo. Torno a casa tardissimo per i miei giorni densi, carichi di doveri a cui mi incaponisco ad addizionare vissuti che alimentino la parte sognante, tanto affamata per le lunghe veglie che tagliano la fase rem, e con lei i sogni.

I miei pesci volanti ormai ruotano senza sosta sotto il pelo dell’acqua, senza riuscire a emergere.

Da qualche giorno si è interrotto il circolo, per poco tempo, non certo per mia intenzione. Una piccola parte di me si è messa di traverso, sassolino dentro negli ingranaggi, e ha fermato tutto. Ora dormo. Mi sveglio senza sveglia da una settimana.

La prima notte sono semisvenuta dallo stress; la seconda ho sorvegliato il dolore fisico; la terza mi sono riposata senza memoria; la quarta sono emersa dal sonno con le orecchie che ricordavano un coro di bambini; la quinta mi sono svegliata troppo presto, eccitata dal rischio di sognare ancora.

La sesta, la scorsa notte, sul fare del mattino, ho aperto le persiane con un gesto ampio delle braccia – erano tinte di bianco le persiane -, e un vento frizzante ha scosso i miei capelli. Sotto di me la rena granulosa teneva a stento gli assalti della schiuma screziata di azzurro di un mare che mi salutava, ondoso e invitante. Intanto sopra le creste, coronati da voli di gabbiani, saltavano a pelo d’acqua senza posa una miriade di pesci volanti.

WonderGiuggiola

30 novembre 2019

La novità del giorno l’ho appresa stamattina appena ho aperto il telefono e mi ha spiazzata la richiesta d’amicizia del vedovo con figlio piccolo a carico più figo che abbia visto negli ultimi anni. Wow, Roger… Un beaux français comment me piace ammé. Touché. Obligé. Allez, damose da faire. Ancora seduta tra le mie coltri sfatte, col pigiamino inerpicato su per metà di una gamba e metà di un braccio, e le altre metà pigramente allungate oltre il dovuto, capelli e faccia non esattamente pronti per i paparazzi, difesa dall’anonimato delle finestre chiuse, non temendo quindi la reciprocità dell’atto, mi sono messa ad osservarlo bene, lui, l’intrepido. Che approccia una donzella in rete senza neppure l’amo di una conoscenza comune. Roger, mi sono chiesta, com’è che le sole quattro foto sono state caricate una settimana fa (la più figa, a mezzo busto e glasses scuri specchiati color cielo, sdraiato su una passerella in teak coi segni di una gloriosa estate addosso, pronto per un bel kiss al sapor di spritz)? Com’è che non mostri amici e chi ti ha messo mi piace è una comunità di anziani sparsi un po’ dappertutto in Italia, in apparenza senza connessioni tra di loro? Com’è, nessun riferimento a Montpellier, la tua città? Come sei bello, come sei figo, Roger. E hai scelto proprio me. Ma sarai vero?

E, niente, ho fatto una ricerca per immagine ed è saltato fuori chi ha prestato a Roger le fattezze: uno splendido dietologo cileno, straripante di addominali e figli piccoli, di merchandising e fascino, del tutto ispanofono – altro che Montpellier – rispondente all’ameno nome di… Giancarlo.

Vabbè.

Ho scritto a Giancarlo: Oh, vai a riprenderti le fattezze prima che Roger ne combini qualcuna grossa al posto tuo, non si sa mai.

E non si sa mai davvero, una si sveglia con una sorpresa simile e si ritrova solitaria a bere the all’amaro aroma di rimuginamento: dov’era che avevo sentito una cosa simile? Ma sì, ne avevo parlato con la mia amica Illy, tosta e romantica come il caffè di Trieste, quando una sera di poco tempo fa, con enorme sprezzo dell’interruzione di servizio anticipato della Linea B della metropolitana, ci siamo avventurate dopo il tramonto verso Piazza Vittorio per esplorare gli eventuali scenari di un’ipotesi di racconto (che a noi ogni tanto piace darci delle mete folli e scontrarci sulla possibilità effettiva di raggiungerle. Stavolta ha vinto lei, non era davvero il caso). Ma, insomma, Illy la tosta e io la sottoscritta, ancora col sapore di gelato a scottarci la gola in una delle prime sere proprio fresche dell’autunno, camminavamo controvento percorrendo a ritroso la strada fatta all’andata, smontando le ipotesi alla base della nostra partenza verso quella serata e costruendo quelle per una sana ritirata in un luogo ameno, accogliente e dalla temperatura almeno temperata, quando, non si sa come, le strade delle conversazioni si sono intersecate, oltre che alle gambe stese dei senza tetto sdraiati sotto i portici della Stazione Termini, alla tragica storia dell’Amica Giuggiola.

Amica Giuggiola pare che sia davvero una gran persona. Intelligente e con la testa sulle spalle si è andata a fidare di un sedicente francese che da debita distanza è riuscito a intortarla alla comme si comme ça, l’ha fatta addirittura in-na-mo-ra-re e, quando si è trattato di incontrarla, ha ottenuto di farsi inviare del denaro per il viaggio verso l’Italia, dopo di che, tanti saluti e grazie. Amica Giuggiola per poco non ci ha rimesso il senno, si è fatta venire i dubbi che avrebbe dovuto avere fin dall’inizio e ha scoperto che a nome del francesino si era trastullato con lei uno dei tanti nordafricani dediti a truffe verso le giuggiolone europee affette da grave deprivazione affettiva.

Povero Roger. Con me gli è andata a buca. Stringendo le ginocchia con le braccia, avvolta nel più affettuoso dei miei pigiami, questa mattina ho aperto un bel pacco di biscotti al cioccolato e ho incamerato tanto di quell’affetto da poter rispondere ai richiami d’aiuto di tutte le Giuggiole di Gotham City. Almeno fino alla prossima colazione.

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: