Ricorsare

by

Ritorno al palco abbandonato. Tra foglie secche – ma non è un bosco: sembrano solo sollevarsi ai passi e ricadere sulle assi senza un suono (o forse almeno un che di polveroso ne intuisce l’esistenza sulla scena) -, incespichii, incertezze, l’inesausto protrarsi della stagione morta non spaventa. Non fa male. Non giudica. Nemmeno chiede. Né del ritorno dei vecchi cartelloni, dubbi trionfi rosi ora nel buio dalla noia dei topi, né di tagli che provochino squarci, almeno malamente, nel sipario. Le cose morte, la luce, può solamente farle rimorire. Cara l’assenza che si accarezza per riconoscenza d’averla sempre avuta per compagna al fianco, cara certezza che nella sottrazione si riposi bene. Caro riposo, cercato nelle corde strette all’albero maestro, benché si sappia marcio, benché votato al fulmine, benché oscillante, presuntuoso e vano. È un albero di scena, la rappresentazione eterna di un naufragio. Onde di cartapesta si susseguono immobili, senza uno spruzzo, senza uno scroscio, nell’incessante incombersi una sull’altra, sullo sfondo.

Tag:

6 Risposte to “Ricorsare”

  1. rodixidor Says:

    Bello. A volte leparole sanno essere fluide,in movimento, tridimensionali. E sono su quel palco fra il vento che sospende le foglie, fra quello che è stato e quello che è. Bella suggestione.

    Piace a 1 persona

  2. newwhitebear Says:

    un susseguirsi di parole, di immagini, di suoni. Complimenti. Un ritorno in grande stile.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: