K fuori le mura

.

La ragazza K si era alzata in punta di piedi, aveva raggiunto il bagno e chiuso la finestra, era ancora buio e l’aria di settembre metteva i brividi addosso. Dando un’occhiata attorno -tutto era ancora fuori fuoco, meglio così- si era accucciata, e poi pulita e alzata senza tirare l’acqua, per non svegliare il vicinato la mattina di domenica. Una delicatezza rivolta a sé, per non rovinarsi il gusto dell’ultimo giorno senza molestie sonore. In tutta l’estate li avrà sentiti si e no due volte, di ritorno dai loro viaggi, due picchi di insensati decibel, e poi ancora altro silenzio.

Uscì dal bagno. Teneva le infradito tra le dita ma senza dare peso al buffo caso di omen nomen mattutino.

Se le infilò ai piedi, mise l’acqua del the nel bollitore, andò in balcone. Corolle chiuse, nuvole rade appena striate di un rosa incerto, voci di uccelli mattutini. Un motore lontano che si accendeva a intermittenza. Come si potesse fare giardinaggio prima dell’alba, non lo sapeva e non le interessava.

Tutto finisce oggi, pensò. Tuttavia non sarebbe sembrato.

Aspettò che il sole sorgesse. Come appoggiò la mano all’infisso per rientrare, vide la propria immagine riflessa. Pensò che quella cornice le donava. E che l’alba delle mattine di settembre era perfetta.

.

Phil Collins – Thru these walls

.

Tag: , , ,

9 Risposte to “K fuori le mura”

  1. massimobotturi Says:

    è uno dei momenti da me più amati, la piccola storia che contiene è altrettanto piacevole

    Mi piace

  2. Niarb Says:

    Mi spiace, non volevo disturbare. Nessuno si è mai lagnato per il rumore della falciatrice, è quasi nuova.
    E’ che ogni volta che lo sguardo mi cadeva su quella ragazza al balcone mi emozionavo, la mano mi scivolava, e il motore si spegneva.
    In futuro non staccherò gli occhi dal prato che sto tosando.

    Mi piace

  3. Wish aka Max Says:

    Sono in un mood talmente negativo che ho appiccicato un finale tragico alla storia. Bella e intensa, e bella l’idea che ognuno può immaginare il seguito che crede. Io non riesco mai a fare cose così, so’ proprio ingegnere… devo sempre spiegare tutto e raccontare tutto nei minimi dettagli… a volte quando sto scrivendo penso (alla Johnny Palomba) “cevorebbeunopratico” 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: