Firenze

image

.

E filano e filano, due donne che parlano. Due vecchie duchesse, forse due badesse, probabile fossero state maitresse. Non smettono e intanto si infila (ma mi ha chiesto “Posso?”) è l’uomo che passa e non resta. Sta dentro il mio spazio soltanto per cedere il passo a chi porta ingombri più grandi di sé. Ecco, visto: l’ho perso di vista e lui se n’è andato, filato, allungato. Verso il suo inconoscibile mondo, ma tanto. Qui oltre i sedili marroni di questi vagoni non resta nessuno. È il destino del treno, perfino a Firenze, la bella dei sogni. La guardo sperando che non se ne accorga. Non scendo, qui resto. D’altronde il mio treno ha ripreso ad andare, si scinde da quella banchina, saluta. Firenze risponde, ma è già periferia. Le brutte casupole gialle accompagnano il fischio toccandosi appena le tegole opache. Che giorno di sole a Firenze, e non resto nemmeno stavolta. Che io odiavo Firenze una volta, e ora non so più chi è. Se da Boboli ancora si vede lontano. E neanche so più se ero io la ragazza con il basco per storto che lassù spergiurava “Io qui non ci torno mai più”. Che oggi, piuttosto, se mi vedo filare Firenze davanti, mi struggo.

Tag: , , ,

10 Risposte to “Firenze”

  1. cKlimt Says:

    ma noo… non dirmi! Anche tu hai ricordi cosi, lassù a Boboli?
    Seduti all’ombra sulla destra della scalinata, a contemplare il passare del pomeriggio o il rumore della fontana come fosse musica…
    E pensare che Firenze e i fiorentini mi stavano proprio sulle scatole
    eppure certi posti valevano la pena

    E dover ammettere oggi che invece certi scorci mi si sono impressi fin nelle ossa…e la nostalgia fa dannatamente bene il suo sporco lavoro. Mannaggia.

    Mi piace

  2. iraida2 Says:

    L’ho letto più volte, è di una gradevole levità. Proprio come dovrebero essere i ricordi!

    Mi piace

  3. iraida2 Says:

    Accidenti alla fretta, sorry “dovreBBero”.

    Mi piace

  4. poetella Says:

    da Boboli?
    si vede, si vede…
    Boboli è sempre Boboli…
    e Firenze, sempre stupenda!

    Mi piace

  5. urbano flacco Says:

    l’altra notte ho sognato un ricordo
    e ricordo di averlo sognato
    come un vero ricordo,
    come solo un ricordo fa davvero sognare.
    questa notte ho sognato un odore
    ma non lo so ricordare.
    mi ricordo però del sognare il ricordo,
    ma non lo so raccontare:
    ed è come l’odore, lo scordo.
    so soltanto di avere sognato un ricordo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: