Non

Un osso di bue

Non aspettarti un sonetto che metta in riga, armato,

l’esercito dei giorni, nemmeno per un poco

che citi nomi e fatti, prima di fare fuoco,

schiantandolo in un grido sul selciato.

 

Ma che spavento, quale evento oscuro,

l’avvento delle schiere dell’aprico:

spaccano il muro e svelan, da una piccola

ansa, il vero, tutto, duro e puro!

 

Non chiederci una quartina che possa risarcirti,

fuorché ‘sto smorto fregno, tristronzo e pure gramo.

Il massimo che qui potrà apparirti

è un ricettario strano per un mamo.

 

Tag: , ,

4 Risposte to “Non”

  1. lois Says:

    Mi sembra d’essere calato in Toscana d’altri tempi. Ma ti confesso che il Tristronzo toglie ogni dubbio (seppur fugace) sulla contemporaneità del brano!

    Mi piace

  2. mariano Says:

    Lo stile è incisivo, mi piace molto. Il grado di difficoltà è alto. Però l’ambiguità di certe “schiere dell’aprico” o del “vero, tutto, duro e puro” in termini di comprensione del senso (originale, da intendere) è tale da confondere anche chi è allenato ai sonetti e ai giochi di parole. Ecco perché la sostanza poetica non si deposita, sfuma e mi dispiace. Ma sono io che non capisco, e mi compatisco… Ciao!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: