Posts Tagged ‘Capodanno’

Dicotomia n. 39 – Capodanno: Ricominciare / Continuare

26 ottobre 2018

Il post originale è apparso su Cartaresistente il 27 dicembre 2013

Sii sempre in guerra con i tuoi vizi, in pace con i tuoi vicini, e lascia che ogni nuovo anno ti trovi un uomo migliore. Benjamin Franklin, Almanacco del Povero Riccardo, 1732/58

Era dai tempi dei film in bianco e nero che non si vedeva tanto ciarpame giù in strada, a Capodanno. E le mie mani, erano quelle, a spingerlo verso il basso. Tanto per festeggiare, avevo accampato come scusa. E poi me n’ero andata, sbattendomi la porta dietro, via a battere i denti, fuori, all’aperto. E avevo camminato, era una via lunghissima e ignota, percorsa fino allo sfinimento. Finché ho chiuso gli occhi d’istinto davanti al sole nascente, a quella luce obliqua e nuda come me, seduta sui talloni in cima a un precipizio. Presa a guardare in alto per non cadere giù. Ma ho riaperto le palpebre ed ero ancora viva. Sotto, un tappeto di colori che si è disteso al vento dell’aurora, mi ha presa e trasportata in volo. Per la mia prima volta in cinemascope, trovarmi libera dai pesi mi ha aiutata. Carica di tutta l’empatia concessa da questa mia nuova condizione, sono venuta a cercarvi. Vi ho ritrovati tutti. Pochi quelli che avevano ripreso a girare solitari. I più di voi erano aggrovigliati a gruppi, molti dormivano, altri credevano di essere rimasti svegli dall’anno precedente. Ma nulla è uguale, nulla ritorna ad essere se stesso all’infinito. La pelle era intirizzita da un’aria che non sapevo riconoscere, in questa carrellata a campo molto lungo che ha abbracciato il mondo e l’ha lustrato, finché non è riapparso come nuovo. E hanno preso a crescere vertiginosamente unghie, capelli e denti. Hanno formato un nido impenetrabile da fuori, da dentro morbido e caldo. Tanto che mi ci sono accoccolata e sono caduta finalmente in un sonno immemore, cullata dalla certezza che l’oro attorno avrebbe continuato ad aumentare. Sognando gli orizzonti davanti a cui ricominciare.

Meglio il primo giorno del nuovo anno o l’ultimo giorno del vecchio? Al giorno 1 ritorniamo muti dopo la baldoria perché ancora una volta: non ci sarebbe nessun ultimo giorno da festeggiare. La vita non ricomincia in un momento “X” e avrebbe senso far baldoria per quello che sei stato, ma di solito a Capodanno si festeggia quello che non vuoi più essere.
Ma siamo degli inguaribili innamorati della festa che ha mille sinonimi e pochissimi contrari, organizzandoci in anticipo: con tanti e tutti amici (forse); pagando per un’atmosfera d’elite (ma quando mai mi ricapita); in Piazza al concertone (se ti piace, no comment!); all’estero che fa figo. Ovviamente con mutanda rossa e pazza che porta bene.
Mah, Capodanno, che quando pensi giustifica “un altro anno andato” pensi sempre che qualcosa di preordinato, qualcosa di grottesco e malignante… qualcosa ti ha rubato! Poi è fuggito e tu ora ritrovalo se ci riesci?!
Capodanno segna anche la fine dell’anno solare, un’occasione per dipingersi la faccia come al tempo in cui si credeva che la Terra fosse piatta e oggi come allora ha senso ballare riti ancestrali solo se credi che il vecchio se ne sia andato e il nuovo sarà migliore. Lo aspetti questo giorno perché sempre più spesso non hai più voglia di riannodare gli anni che passano e vorresti l’interruzione o il cambiamento immediato, dimenticando che la vita dovrebbe seguire una via lineare senza restringersi a percorso di montagna, ma aprirsi verso confini tutti da scoprire. Così fino alla fine.
Quindi quando qualcuno mi chiede: ma tu a Capodanno cosa Fai? Dove sei? Con chi stai? Non so mai cosa dire perché il cervello mi si spegne, ma rispondo comunque: sto da solo, perché non ho nodi da fare ne nodi da sciogliere! Ma nessuno mi capisce e come sempre vengo trascinato da qualche parte ad annoiarmi a morte.

Francesca Perinelli e Davide Lorenzon – Dicotomie resistenti n. 39
Illustrazione di Fabio Visintin

 

Dicotomia n. 39 – Capodanno: Ricominciare / Continuare (Su Cartaresistente)

27 dicembre 2013

..

 

Sii sempre in guerra con i tuoi vizi, in pace con i tuoi vicini, e lascia che ogni nuovo anno ti trovi un uomo migliore.

(Benjamin Franklin, Almanacco del Povero Riccardo, 1732/58) 

.

[Continua a leggere su Cartaresistente]

.

Testi di Francesca Perinelli e Davide Lorenzon
Disegno di Fabio Visintin

.

.

.

In caso di necessità

18 dicembre 2013

 

 

 

Prendere treni. O guardare i treni che vanno e vengono, se non si può salire.Termini.

.

Stefano, che lavora a Binario 95 ed è anche blogger, ha mandato in giro una richiesta urgente:

HELP!!! Conoscete o siete qualcuno che vuole SUONARE la sera di CAPODANNO (PER SOLO un’oretta e spicci intorno alle 18) in un centro d’accoglienza A termini davanti a circa 50 SENZA DIMORA? Sì, certo che PAGHIAMO, poco ma paghiamo….

A me ha detto, poi, che “alla fine a noi basta un disgraziato con la chitarra, un duo folk, roba semplice, …”

Se interessati, o conoscete qualcuno che possa essere interessato, mandate una riga a stefano.fr.salvi@gmail.com

.

 

Il centro di accoglienza alla Stazione Termini gestito da Binario 95

 

Anche per svago ti rechi alla stazione. Dove c’è un centro commerciale. Passeggi e ti distrai.
Tutto che luccica. Fai per attraversare una porta a vetri e inciampi.
C’è un corpo lungo disteso. Il corpo di Polizia lo accerchia, ma non giocano a guardie e ladri.
Altri corpi, simili a quello per terra, sono nei paraggi, ai margini.  In piedi o seduti.
Hanno vestiti sudici, appaiono prostrati. E ti fissano.
E tu ti chiedi perché un momento prima avevi un passo così spedito e allegro. Che adesso non sai più se andare avanti o indietro.
Ti senti intruso in casa d’altri. La casa è la stazione dove uomini vanno e vengono da sempre, senza riconoscere l’umanità che a loro cede il passo.
.

Auguri, tesoro

1 gennaio 2013

.

Shortbus


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: