Dal fondo _ 17

 

È un pomeriggio azzurro di quiete apparente.

Prendiamo un aperitivo nel patio di un bar affollato sulla costa. Il tempo è vago, come i nostri discorsi, che fatalmente tornano sul mio progetto.

– Perché non dovrebbe essere stato lui?

Tutti e quattro indaghiamo svogliatamente le trame di quegli omicidi. Ma Mauro mangia con gli occhi Simona. Lo riconosco lo sguardo del regista, innamorato delle sue inquadrature.

Da un gruppo di ragazzi in piedi si stacca una studentessa di liceo. Gli si avvicina, lo chiama e intanto compie ampi gesti con le braccia, gli fa dei complimenti, si volta a richiamare l’attenzione degli amici.

Ma lui si muove goffo in mia presenza, cerca di prendere le distanze. Sono a disagio, mi alzo infastidita, Mauro mi segue subito dopo. La ragazza, disorientata, si affretta a farsi riassorbire dal gruppo di amici. Simona prende il mio posto accanto a mio fratello.

 

 

<indietro   avanti>

<vai all’inzio>

 

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: