Dal fondo _ 18

 

La biblioteca è abbandonata e polverosa. Mi aggiro in cerca di un posto isolato, mi siedo e mi immergo nella scrittura. Perdo il senso del tempo, non so di essere stata seguita.

Ho scritto quello che dovevo, una lettera che concludo con: Non sono stata io!

Parla di amore, di amore per una donna. Grondano sangue, la lettera e la donna. Eppure, mentre muore, so che non sta soffrendo per sé stessa.

Un rumore mi fa sollevare la testa. È Mauro, sposta la sedia accanto alla mia, mi toglie la lettera da sotto, la fa cadere in terra. Prende le mie mani e mi fa alzare. Lo guardo allibita, sono arrabbiata nera, ma a lui sembra non importare.

Sta cercando di spogliarmi… ma così, adesso, non voglio! Piango, piango sempre più forte.

Lo odio.

– Ti odio! Ti ho visto… Tu non ci pensi mai a me! Mai!

Mauro scuote la testa, fa per allontanarsi. Mi assale un dolore in petto, come se mi si strappasse il cuore. Lo imploro a bassa voce di perdonarmi. Ci pensa un attimo, si volta, spalanca le sue braccia, ma sta fissando in terra. Poi, per un istante infinito, mi ritrovo a piangere stretta contro di lui.

 

<indietro   avanti>

<vai all’inzio>

 

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: