Posts Tagged ‘Sovente’

The Square. Quadrilogia degli avverbi – Sovente

10 ottobre 2019

di Francesca Perinelli


Ne è sinonimo, ma non vuol dire spesso – facile da confondere con la materia opaca e incoercibile, dura da attraversare, dell’altro avverbio assiduo. Sovente, tenue e aereo, posa le sue ali fragili solo su spalle attente, offre presenza a caso e all’occorrenza; non è di peso mai e siccome fugge, chi incontra prima si illude e poi si strugge dal forte anelito della sua presenza; svela l’impredicibile; si erge aritmico in sella a onde capricciose, facili a cogliere il cambio di corrente, dissemina punti fermi come ami, pesca sirene folli che nella rete combattono tra loro, incrociano le code e insieme nude intrecciano i loro alti canti, fino a sedurre il saggio alla pazzia, fino a condurre il suolo fino al cielo. E quindi si dilegua, per liberare tutti. Tanto lo sanno, tutti, che di lì a breve il corso delle cose verrà piegato alla ripetizione. La volontà lo può, chi vuole è chi desidera. Ciascuna coincidenza è sempre un segno, la forma presa dal più forte sogno. Viene come conforto, abbraccio della mente, sperata occorrenza, sorpresa ricorrenza di ciò che si aspettava. Sovente accade la pioggia d’autunno, e la telefonata di un amico; sovente si dimenticano gli occhiali e torna in mente quella tal canzone; sovente ci si trova ad alzare gli occhi al cielo, per smadonnare o per sperare invano; sovente ci si perde un passo dopo l’altro; sovente si gironzola nei pressi di quei giorni che furono felici, si incappa nelle quinte dei ricordi, dove sovente capita di ripensare a te.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: