Sapere di cose vive

(un augurio)

.

“A tutti quanti capita lo stesso, la statua di Giano è un lusso inutile, in realtà dopo i quarant’anni la vera faccia la teniamo nella nuca, e guarda disperatamente indietro. È ciò che si chiama propriamente un luogo comune. Niente da fare, bisogna dirlo così, con le parole che fanno torcere di noia le labbra degli adolescenti unifronte. […]

È triste giungere ad un momento della tua vita in cui è più facile aprire un libro alla pagina 96 e iniziare un dialogo con il suo autore, da caffè a tomba, da annoiato a suicida […]

Il guaio consiste nel fatto che la naturalezza e la realtà sono diventate non si sa come nemiche, c’è un’ora in cui ciò che è naturale suona spaventosamente falso, in cui la realtà dei vent’anni si affianca alla realtà dei quaranta e al fianco di ciascuno c’è una gillette che ti taglia la giacca. Scopro nuovi mondi simultanei ed estranei, sospetto sempre più che mettersi d’accordo è la peggiore delle illusioni. Perché questa sete d’ubiquità? Perché questa lotta contro il tempo? […]

L’oggi mi appassiona ma sempre dall’ieri […]

Bisogna lottare contro tutto questo.

Bisogna insediarsi nuovamente nel presente. […]

Ci son fiumi metafisici. Sì, cara, certo. E intanto tu starai curando tuo figlio, piangendo ogni tanto, e qui è già un altro giorno e un sole giallo che non scalda. […]

Ma oramai non posso parlarti di queste cose, diciamo che è tutto finito e che io sto vagando da queste parti, girando, cercando il nord, il sud, ammesso che li cerchi. Ma se non li cercassi, ebbene? (Omissis)

Toi, – dice Crevel, – toujours prêt a grimper les cinq étages des pythonisses faubouriennes, qui ouvrent grandes les portes du futur… […]

Tu t’accrocches à des histories, – dice Crevel. – Tu étreins des mots

– Niente affatto, mio caro, son cose che si fanno piuttosto dall’altra parte del mare, che tu non conosci. È da un bel po’ che non vado a letto con le parole. Continuo a servirmene, come fai tu e come tutti, ma le spazzolo moltissimo prima di mettermele.

Crevel è diffidente, e lo capisco. Fra la Maga e me si alza un canneto di parole, ci separano appena alcune ore e già la mia pena si chiama pena, il mio amore si chiama il mio amore… A poco a poco soffrirò sempre meno e ricorderò sempre più […]

Inutile, condannato ad essere assolto. […]

Giudice inaudito, giudice per grazia delle sue mani, delle sue corse in mezzo alla strada, giudice perché mi guarda e mi lascia ignudo, giudice perché balorda e infelice e disorientata e ottusa e men che niente. […] son pronto a quel patibolo su cui mi fan salire le mani della donna che cura il figlio suo, presto la pena, presto l’ordine falso di essere solo e di ricuperare la sufficienza, la egoscienza, la coscienza. E con tanta scienza un inutile desiderio di aver compassione di qualcosa, e che piova qui dentro, che finalmente cominci a piovere, a sapere di terra, di cose vive, sì finalmente di cose vive.”

[Julio Cortazar – Rayuela , Cap. 21]

Tag: , , , ,

9 Risposte to “Sapere di cose vive”

  1. Michela Says:

    Ciao!
    Non ci conosciamo ma attraverso le tue parole ho compreso tante, tante cose.
    Hai ragione che i quarant’anni ti costringono a ragionare e, aggiungo io, ad aprire gli occhi.

    L’amore non si mette d’accordo.
    Ma, di cosa stiamo parlando?

    Un abbraccio grande (di quelli che solo le donne sanno fare).
    Michela

    Mi piace

  2. cartaresistente Says:

    Notevole. Nella pila delle prossime letture.

    Mi piace

  3. Majhul Says:

    “Immaginare un repertorio di cose insignificanti, l’enorme lavoro d’investigazione per conoscerle a fondo.”- cit. J. C.

    Mi piace

  4. icalamari Says:

    Un’occhiata al gravatar suggeriva che l’album su Flickr fosse della stessa autrice del commento…
    “Rayuela, Freaks ed altri esperimenti” comunque è tuo?
    Ci vuole in ogni caso una rara sensibilità per provare affinità con Cortazar. Quindi, mi permetto di confermare il complimento.
    Un saluto,
    Francesca

    Mi piace

  5. Majhul Says:

    Francesca, devi perdonarmi. Purtroppo sono nuova di questa piattaforma e devo comprendere ancora molte cose per quanto concerne l’utilizzo del profilo e gravatar. Prima o poi ce la farò. (Oggi, stranamente, mi sento positiva!)
    Comunque “Rayuela, Freaks…” è il mio piccolo nato!
    Si tratta appunto di esperimenti.
    Esperimenti e storie. Un po’ alla cronopios . Un po’ alla famas.
    Permettimi,comunque, di prendere uno specchio e inviarti il tuo stesso complimento.

    Un sorriso,

    D.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: