Dal fondo _ 12

 

Fuori coperta, la notte nera punge e affina i sensi.

Lino ha aperto un gavone e ne ha cacciato fuori dei giochi di pazienza. Giochiamo, dunque. Sceglie a caso il tangram di legno. I suoi colori hanno perso mordente e si confondono l’uno con l’altro, ma può tenere assieme i nostri pensieri. Ci vuole il colpo d’occhio. La forza di non perdere di vista il disegno complessivo.

Simona sembra leggermi la mente. Fa domande all’uno e all’altro uomo, scade nel malizioso. E mi ignora.

Ride. Ridono. Lui e lei – Lino si distrae -, Simona e Mauro.

Mio fratello sembra che preferisca non capire.

Lei parla di sceneggiatura con scioltezza.

A me pare di sentire il canto di una sirena.

Mauro, come conchiglia vuota, lo raccoglie e lo amplifica.

 

<indietro   avanti>

<vai all’inzio>

 

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: