Dal fondo _ 20

 

È notte, fuori, sul ponte umido Simona si stringe a Lino, che sonnecchia avvolto nel giaccone. Lei sorride, lontana.

Hanno un’unica origine, versi e sospiri di fumo, opalescenti e acri. Mauro ha gli occhi lucidi, nessuno può ignorarlo. Eppure, ciascuno ci prova come può. Eseguo la sua poesia: mi fletto e aggiro l’argomento. Racconto di come ci siamo conosciuti.

Mauro ascolta per un po’, poi (dovevo saperlo, perché mi sono fidata?) dice di non ricordare nulla del nostro incontro.

– Ma, andiamo. Hai detto “I nostri lavori sono così simili”…

– Mai detto niente del genere.

– Come sarebbe, davvero non ti ricordi?

Al silenzio che oppone, mi guardo attorno, smarrita, ma gli altri due hanno già chiuso le palpebre.

 

 

<indietro   avanti>

<vai all’inzio>

 

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: