Dal fondo _ 26

 

Si soffoca, immersi nel buio di una nera notte senza nemmeno una stella .

Il vento è rinforzato e mi allontano, scavando con rabbia negli scalmi. Scendo dal tender e mi siedo sulla riva a naso per aria. Ansimo un poco. Strano sentire il terreno fermo sotto i piedi dopo tanto ondeggiare.

– Beccata -, mi sorprende Lino, che mi ha raggiunto a nuoto.

– Ho freddo.

Avrei voluto riceverla, quella stupida domanda, è troppo tempo che mi accontento di essere capita senza parlare.

Lascio che mio fratello asciughi le mie lacrime e ce ne restiamo seduti, ciascuno in compagnia dei suoi pensieri.

 

È l’alba e sta piovendo, stiamo rientrando dall’isola. Gli altri due si sono già svegliati.

Appena a bordo scendiamo sottocoperta. Lino osserva in silenzio Mauro, che dalla dinette ci raggiunge in cambusa e controlla la strumentazione. Si unisce a noi anche Simona.

Io e Lino cerchiamo di infilarci in fretta abiti asciutti mentre la barca inizia a beccheggiare.

Dalla radio, il bollettino meteo annuncia una burrasca.

 (continua)

<indietro   avanti>

<vai all’inzio>

 

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: