Posts Tagged ‘America’

La paura e l’energia _ Meditazione n.5

8 agosto 2013

Dentro il vulcano. Immagine di Anthony Luke

.

La paura strisciante di quando ero bambina è stata ricoperta dalla cenere degli anni vulcanici dell’edonismo reaganiano e dell’ottimismo scientista e tecnologico, ed è riapparsa dopo lo stralcio delle Twin Towers dallo skyline di New York. Ed è un periodo che, quando ritorno a casa dal lavoro, devo rassicurare il piccolo del fatto che non arriverà tanto presto la fine del mondo: con buona pace del defunto Dott. Spock, niente funziona bene come la televisione.

Per me invece, il contraccolpo arriva la mattina dopo, aperto il giornale. Quando, come un conato di lava, ritornano i temi sotterrati a inondare la terra.

Per lavoro tengo anche d’occhio le questioni energetiche: la palla di fuoco nel cuore del pianeta è sempre all’ordine del giorno e mai come oggi tanto d’attualità, perché è sui tesori in essa contenuti che si giocano gli equilibri politico-economici tra gli Stati.

Lo ricorda Vittorio E. Parsi, dal Sole 24 Ore, che sorvola sui motivi addotti da Obama (l’asilo concesso dalla Russia a Snowden) per l’annullamento dell’incontro con Putin e ricorda che i rapporti Usa-Russia sono in crisi dalla guerra civile in Libia (dove il colosso orientale ha perso decine di miliardi di dollari in contratti vari, i più consistenti dei quali derivanti dalla vendita di armi e dagli accordi petroliferi). A cui si è aggiunto il prolungato sostegno russo ad Assad in Siria sempre per i vincoli tra i due paesi su armi e petrolio.

La Russia post-sovietica […] non ha mai fatto mistero di aver sostituito alle risorse ideologiche quelle energetiche. Che si tratti di tessere relazioni con la Cina o di tenere agganciate le nuove repubbliche centroasiatiche o caucasiche, o di esercitare pressioni sugli Stati europei (dalla Polonia alla Germania, dalla Francia all’Italia), le forniture di gas e petrolio rappresentano una carta importante tra le (poche) a disposizione del Cremlino.”

Parsi a sorpresa cita lo “shale gas” come il jolly che riporterà L’America “in grado di provvedere ai propri alleati non solo protezione militare e un grande mercato comune, ma anche energia abbondante e a costi contenuti”. E conclude che gli USA potrebbero essere tentati “di riaffermare la leadership globale, rintuzzando i tentativi russi di riacquisire influenza in Europa attraverso la ragnatela dei tubi di Gazprom”.

Peccato che lo shale gas non sia una risorsa sulla quale l’America possa permettersi di puntare.

La tecnica del fracking, per l’estrazione del gas imprigionato negli strati più profondi del sottosuolo, comporta rischi altissimi chimici, epidemici (contaminazione di aria e falde acquifere), sismici, idrogeologici, e ambientali (aumento della CO2 nell’atmosfera), in assenza di regole stabilite per lo sfruttamento di questa risorsa. Senza contare i costi economici per le imprese estrattrici, per le comunità locali (consumi d’acqua ingenti e di immediata disponibilità per lo sfruttamento di ciascun giacimento) e l’ulteriore danno per la perdita di interesse degli investitori sulle energie rinnovabili, già troppo trascurate.

Tanta frettolosità sembra tradire un auspicio di restaurazione. Ma l’entropia non la si può fermare.

Mi pare invece che a Obama siano solo girati i maroni, che la guerra fredda non sia mai finita, che siamo da sempre sul cratere di un vulcano attivo, e che, per ora, non c’è motivo di temere di peggio.

Questo ho ripetuto come un mantra, fino alla porta di casa stasera. Da dove, a scanso di equivoci, ho gridato per prima: “Guardiamo un po’ di cartoni?”

(Prosegue QUI)

.

 

Silenzio elettorale giorno 3

25 febbraio 2013

Igienizzatori

Segnaletica igienico-sanitaria

.

Da domani sarà tutto diverso. Ti senti anche tu come il marinaio che avvistò per primo l’America?

Sì: “Terra, terra!”

.

Quiz the politicians

28 gennaio 2013

.

Esquire - Aprile 2012.

Quella mia copertina su Esquire di Aprile 2012

😀

.

.

Ti fai troppi problemi, Michele!

.

In Italia, tra quelli che usano adoperare, anche saltuariamente, la misteriosa attrezzatura contenuta nella scatola nera posta alla sommità della propria persona, nessuno -credo- scommetterebbe un centesimo sulla portata e la tenuta dei programmi elettorali delle coalizioni in lizza. Neanche io (che pure andrò a votare). E neanche Massimo Pinto di Fisici per il mondo, che segnala ancora una volta l’iniziativa del Gruppo Dibattito Scienza sul portale Facebook.

“La lista delle domande formulate ai candidati Premier è qui: http://www.dibattitoscienza.it/2013/01/11/elezioni-politiche-2013-ecco-le-domande/

Dibattito Scienza sta sollecitando Silvio BerlusconiPierluigi BersaniOscar GianninoBeppe GrilloAntonio Ingroia e Mario Monti, i principali candidati, a rispondere entro la mezzanotte del prossimo 31 Gennaio.

 Oggi, 28 Gennaio, è la giornata del bombardamento mediatico su Facebook, Twitter (#dibattitoscienza) e sui blog, per informare il pubblico e stimolare i suddetti ad inviare le loro risposte, e Fisici Around The World non poteva farsi da parte.

Il prossimo 4 Febbraio le risposte pervenute saranno pubblicate su Le Scienze.

.

Le questioni sul tavolo, in sintesi:

  1. Investimenti, meritocrazia, trasparenza nell’università e nella ricerca pubblica
  2. Provvedimenti per favorire l’innovazione e l’investimento in ricerca delle imprese private
  3. Politiche energetiche per migliorare l’efficienza e minimizzare l’impatto ambientale e il costo dell’energia
  4. Gestione dei rifiuti solidi urbani per migliorare l’impatto su ambiente e qualità della vita
  5. Messa in sicurezza del territorio nazionale dal punto di vista sismico e idrogeologico –  Conciliazione del settore edilizio con la salvaguardia del territorio e la lotta alla criminalità organizzata
  6. Agenda Digitale e diffusione della banda larga in tutto il Paese
  7. Adeguamento della legge 40 sulla procreazione medicalmente assistita alla giurisprudenza italiana ed europea – Testamento biologico
  8. Sviluppo e alfabetizzazione scientifica e matematica del Paese
  9. Mitigazione e/o prevenzione dei cambiamenti climatici e dell’innalzamento dei gas serra
  10. Regolamentazione dell’uso degli animali nella ricerca biomedica

.(

(Ribattete gente, ribattete)

.

§§§

Adesso dico la mia.

La maggiore impasse di questo paese consiste nel conflitto generazionale. Nel momento in cui giovani e vecchi riusciranno a convivere senza che una parte continui ad abusare della fragilità dell’altra* avremo diritto di sperare. Sono per un governo che tenga conto di questa esigenza basilare, e non perseveri nello sbandieramento ipocrita e populista dei soli “temi civetta” (elenco i primi che mi vengono in mente: famiglie contro single, Nord contro Sud, Industria contro PMI, imprenditori contro dipendenti contro liberi professionisti contro …) importanti, sì, ma di un grado inferiore al principale. Le dieci risposte di cui sopra avranno un valore concreto non appena avremo a disposizione una generazione di giovani a lavoraci su. Ma ne riparleremo.

.

*) “Quello che sta accadendo in America avviene dovunque, dai paesi arabi all’Italia”, Stephen Marche nell’articolo The war against youth pubblicato su Esquire di Aprile 2012, citato QUI

.

Caparezza – Cose che non capisco

.

.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: