Posts Tagged ‘Starnuti’

Quarantina0zero2due – Sirena

23 marzo 2020

@projectmermaids

Appena vide Renata sulla soglia fece quattro o cinque passi svelti verso di lei, urtando più di un passante, e si affrettò a prenderle le mani tra le sue.

I capelli le si erano incollati al volto e i suoi vestiti erano zuppi per il temporale che assediava la piccola stazione facendone rombare le vetrate. Attorno alle sue scarpe e alla valigia si era già formata una piccola pozzanghera e, nel vederla così, con gli occhi vuoti, la carnagione esangue e sul punto di disciogliersi sul pavimento anche lei con tutto il resto, Nicola ebbe la visione di una sirena capitata per errore sulla terraferma. Invece era Renata. Che tornava dalla Danimarca.

Teneva le minuscole mani infreddolite tra le sue e, nel riceverne il sorriso e, con quello, il primo accendersi di una fiammella calda nello sguardo, riuscì a sovrapporle l’immagine della ragazza abbronzata e sicura, in posa assieme a lui davanti al grande specchio dove avevano appena interrotto l’amore per immortalare, con allegria e un senso di lontana irrequietezza, la giustezza di quei giorni, gli ultimi, i più intensi, prima della separazione di tanti mesi prima. L’immagine che aveva prevalso su tutte quelle scambiate durante la lontananza, l’ultima in cui erano stati insieme.

Adesso potevano esserlo di nuovo. Avevano nelle tasche intere odissee da raccontarsi, incastri magici da ritrovare, odori familiari da ravvivare, e nuovi capelli bianchi da contare. Teneva le sue mani tra le proprie e accoglieva come miracoli, dagli occhi ormai tornati vivi e accesi, le strette e lunghe pieghe della pelle, che si formavano guizzando sopra gli zigomi in direzione delle tempie.

Renata prese fiato in un sussulto, ebbe come un istante di smarrimento e girò il volto. Nicola si curvò su di lei, sollecito, per seguirne la nuova inclinazione. Renata sussultò ancora e, con una decisa rotazione della testa, tornò faccia a faccia con Nicola investendolo con uno starnuto. Lui d’istinto scattò all’indietro ma subito si fece addosso a lei, la avvolse in tutta la sua fragilità di pioggia e di raffreddore, si fece contagiare dallo scoppio di risa della ragazza e impastò il proprio viso con il suo, scivolando tra gocce di natura indistinta, ne riconobbe l’alito e vi aggiunse il suo, leccandola e baciandola e lasciandosi leccare e baciare a sua volta, finché non sentirono entrambi un ronzio nelle orecchie che li convinse a staccarsi.

– Non avresti mai potuto fare questo.

– Cosa?

– Starnutirmi in faccia.

– Neanche tu.

– No, io neanche.

– Non avresti potuto leccarmi e baciarmi così.

– Come due estranei.

– Davanti a tutta questa gente, poi.

Si strinsero alcuni istanti per poi tornare a tenersi le mani.

– Nicola, mi è venuta una voglia – aggiunse Renata, e Nicola in un momento era già nudo con lei tra le lenzuola e ne poteva contare a una a una le ciocche dei capelli aggrovigliati e umidi sparsi sul cuscino, ne stringeva i seni tra i denti e i fianchi tra le mani, e la sentiva muoversi e affannarsi attorno e sotto di lui, e la incalzava e la incalzava e la incalzava sempre più forte, sempre più intensamente, mentre lo specchio restituiva le evoluzioni dei corpi nella perfezione di quell’esecuzione.

Dominandosi a fatica recuperò la lucidità necessaria per domandarle in un orecchio: – Quale voglia?

Renata, eccitata come una bambina, rispose col sussurro più languido che fosse mai uscito dalle sue labbra: – Scattiamoci una fotografia.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: