Archive for the ‘Collaborazioni’ Category

Cartaresistente

5 gennaio 2018

Scrivo con una sensazione di malinconia per una perdita. Sto parlando di Cartaresistente. Non posso mettere link al  sito attivo dal 2012 perché, ahimé per tutti, ormai non esiste più. La sua uscita di scena al termine del 2017 mi ha fatto pensare a quella delle dive d’altri tempi. Una Greta Garbo, per fare un nome, dei blog letterari.

Un link a Cartaresistente compariva sulla mia homepage, come su quella di Vibrisse (e compare ancora: Giulio, ti posso suggerire di toglierlo?). La sua formula, piuttosto semplice, prevedeva la pubblicazione di immagini significative a corredo di testi che, direttamente o indirettamente, riportassero a una dimensione piuttosto “fisica” l’atto del leggere.

I nostri due blog si sono conosciuti sul finire del 2012, quando ho iniziato a sottoporre a Nando qualche contributo per dei post che enfatizzavano le letture di carta attraverso scatti fotografici (telefonici, forse è meglio dire) di sconosciuti lettori, colti in flagrante nel pieno esercizio della loro “perversione” nei posti più disparati. Da quei post poteva nascere la curiosità per qualche nuova lettura o, quantomeno, scaturire una riflessione su usi e costumi contemporanei. Da lì in poi sono venute idee per temi sempre più sfiziosi e sempre più coinvolgenti per un’ampia fetta dei blogger di wp.

Poi ho conosciuto anche Davide, col quale mi sono obiettivamente tanto divertita, attraverso una forsennata scrittura a quattro mani e confronti serrati come duelli all’arma bianca, puntualmente riportati sulle pagine di Cartaresistente, oltre che qui.

L’impresa di Nando e Davide, del tutto no-profit a meno, immagino, della voce di attivo in bilancio relativa alla soddisfazione, si è avvalsa della collaborazione di nomi anche illustri, di artisti e artigiani che hanno reso tangibile a molti l’esperienza del web. Ha creato una comunità stimolante e vivace. Personalmente mi ha permesso di sperimentare e crescere.

Una gran bella storia, vi ringrazio di avermi permesso di farne parte.

Ho uno spirito progressista ma un’anima che cerca comunque di conservare ciò che di buono c’è stato in un rapporto. Nel corso di quest’anno, con l’autorizzazione espressa degli altri autori coinvolti, pubblicherò di nuovo tutti i lavori a mia firma a suo tempo condivisi su Cartaresistente, a meno de ”I sette sensi”, che troverà posto integralmente sulle pagine di Tratto d’unione (Grazie!) accanto all’intera serie “I magnifici 7”. Da non perdere, in partenza il prossimo giovedì, 11 gennaio.

Quel che resta di noi

In busta chiusa: U come Umore – Ubbidiente – Ufo (con Cartaresistente)

18 novembre 2016

u_francesca

In Busta Chiusa n. 21, un progetto di Cartaresistente
Lettera U di Francesca Perinelli
Illustrazioni di Davide Lorenzon

Ehi? Toc toc… Ciao. Sì, sono io. Adesso calmati, non ci sentiamo da un sacco e, lo so, lo so che mi credevi morta, in un modo atroce di quelli su cui ti piace ricamare. Che ne so, succhiata nel reflusso di un geyser, divorata da un orso, rapita dagli alieni (pare che qui ci vengano a svernare, coi loro Ufo ben mimetizzati tra i ghiacci), esplosa davanti allo specchio insieme ai miei foruncoli ingigantiti visto che ormai mangio quasi solo porcate. Roba facile per te da immaginare, ti avevo detto sommariamente come avrei vissuto quando mi sarei trasferita ma, poi, basta. Di me nient’altro. Per sicurezza avevo distrutto ogni traccia che ti consentisse di localizzarmi in futuro e ti avevo imposto di non provare neppure a cercarmi. Da quando me ne sono andata, anche se non mi hai ubbidito, non ti ho più scritto, non ho risposto alle lettere, alle telefonate, ai messaggi che hai inviato a casa dei miei genitori. Ho ignorato pure i tuoi richiami mentali, tanto ci credi soltanto tu a quella cazzata della telepatia. Volevo sparire, davvero, mi ero stufata di te, di noi, di tutto. Speravo che rotolandomi nella più misera, elementare, noiosa, basilare, innocua condizione di vita mai provata mi sarei sentita finalmente libera di riprendere a respirare, senza pensarvi più (a nessuno di voi, tanto per chiarire, a nessuno). Ma per tanto tempo mi sono solo sentita più apatica di prima. Adesso, però, te lo devo dire, c’è qualche novità. C’è un ragazzo che stira i colletti degli abitanti di questa città, nella lavanderia di sua madre. L’ho incontrato nel retrobottega del negozio, mentre buttavo la spazzatura di una settimana senza neanche turarmi troppo il naso (già: sono diventata perfino meno schizzinosa). Stavo davanti al secchio, col sacco chiuso male che sgocciolava roba scura e maleodorante a terra, e ho bestemmiato sottovoce perché avevo sporcato il giaccone chiaro di renna, l’unico che ho portato via dall’Italia, l’unico che avevo da indossare quel giorno (l’altro lo avevo appena dato alla madre di lui, del ragazzo, alla proprietaria della lavanderia, perché me lo ripulisse, che ultimamente sembro proprio una stracciona, devo darmi una mossa, è ora di trovare un lavoro, altrimenti quelli di qui si rendono conto che sono una mangiapane a tradimento, una che gratta i risparmi dei suoi vecchi invece di guadagnarsi da vivere, come da queste parti fa chiunque abbia più di vent’anni) e faceva un freddo cane e, insomma, avevo appena detto una bestemmina leggera, ma, devi credermi -lo sai che ci tengo a non dare nell’occhio-, l’avevo fatta uscire dalla bocca a un volume appena udibile, ma mi sono dovuta lo stesso guardare attorno, come se fossi ancora in mezzo a voi, bigottoni chiesastici pesapersone, e non ho fatto in tempo a smettere di sentirmi inutilmente in colpa, che ho notato lui, inquadrato nella porta del retrobottega, con una sigaretta in bocca e il fumo che ricadeva verso il basso, come ghiacciato e cristallizzato all’uscita dalle sue labbra viola. Stava tranciando una lattina di Coca con un enorme paio di forbici da sarta. Mi è sembrato così strano che ho gettato l’immondizia (aperto il secchio con la mano sinistra, calcolata la forza necessaria da imprimere al braccio destro e lanciato il sacco all’interno con la sua scia di percolato a scodinzolargli dietro; richiuso il secchio, preso un fazzoletto dall’interno di una tasca del giaccone, strofinato le mani fino a immaginare di averle ripulite) senza staccargli gli occhi di dosso. Il tipo pure ha alzato lo sguardo su di me e non l’ha riabbassato, anzi. Sembrava un invito a venirgli vicino, e l’ho fatto, senza domandare permesso: mi sono piazzata proprio davanti a quel ragazzo, davanti alle sue mani. Ha smesso di guardarmi per appoggiare le forbici in terra, sulla soglia (ho notato che la porta era semichiusa – visto mai la madre lo richiamasse in negozio, ho pensato). Ha arrotolato la sagoma di una rosa di latta, ne ha ripiegato i petali all’infuori, poi ha ripreso le forbici e, dagli avanzi di alluminio, si è messo a ritagliare una specie di stelo. Lo ha attaccato sul fondo del fiore, si è rigirato il tutto tra le dita con un’espressione soddisfatta e poi, soltanto allora, ha risollevato lo sguardo su di me. I suoi occhi erano bottoni neri dentro due asole strette che ammiccavano da un ciuffo di capelli biondi, quasi bianchi. La faccia piena di efelidi. Forse avrà avuto diciott’anni, forse di più, qui la gente matura in fretta ma mantiene sempre un aspetto infantile che non ti fa decidere che tono usare nelle conversazioni. Almeno secondo me. Io vengo da un universo talmente differente che neanche ci provo a spiegarlo, quando mi chiedono: “Com’è l’Italia?”. Mi sono accorta di un colpetto sullo sterno, dato col polso. Tra i miei occhi e l’ultima estremità della sua frangia, ondeggiava un’ombra che poco fa non c’era. “Tieni”, mi ha detto, sfiorando con la rosa la punta del mio naso. Ci siamo appoggiati agli stipiti, parlando e a fumando insieme. Ogni tanto lui e la madre si lanciavano qualche frase a voce alta tra esterno e interno della lavanderia. Lui ruotava la testa di un’angolatura innaturale, mantenendo tutto il corpo ben fermo, e mi bloccavo a fissargli l’emersione di rigagnoli azzurrini sulla superficie del collo e di filamenti tendinei al di sotto della pelle, liscissima e tesa. In quei momenti ancora non avevo cambiato umore. È stato dopo, parlando di me e di te, quando è saltato fuori l’argomento, quando stavamo discutendo di vita e di libri -ne legge, di libri- che dalla sua voce misurata è saltata fuori una nota più acuta: “Quindi sei una persona scomparsa… Anche tu!” (Che in questo buco di posto ai confini del mondo la gente ci venga a sparire, io lo sapevo bene. Non mi era chiaro però fino a che punto venisse tollerato. “Benvenuti a …, Paradiso Degli Scomparsi”, avrebbe potuto recitare il cartello all’ingresso della cittadina. In fondo anche gli abitanti avrebbero avuto il diritto a far perdere ogni traccia di sé ma, partendo da questo posto, dove altro sarebbero potuti andare?). “Hai notato che ormai tutte le trame (rosa, gialle, grigie, arcobaleno) si reggono su una sparizione? Non si riesce più a leggere altro”, ha detto. È stato allora che mi è apparso tutto chiaro, che ho capito di aver sbagliato meta cercando di dissolvermi. Che, anzi, come tutti gli abitanti di qua, provavo un desiderio folle di connessioni reali, che nei libri cercavo nuove trame di vita, che avrei voluto ammirare fiori in grado di non appassire mai e che, di tutto questo, nulla sarei riuscita a fare se fossi rimasta isolata. Non saltare alle conclusioni, non c’entra niente il ragazzo. È a te che sto scrivendo. Ancora equivochi, scommetto. Ti sbagli, non annuncio il ritorno. In fondo non sono mai stata così bene come in mezzo a queste nebbie, a questa gente che non aspira affatto a scomparire. Capisci allora a cosa sto puntando? Penso di sì, sei lento ma poi arrivi. E dai, so che ti manco. Di tempo ne è passato pure troppo e altro non ne dovrà passare inutilmente. Quindi, stavolta sii ubbidiente: molla tutto così come ti trovi, prendi un treno, un aereo, chiedi un passaggio a un’astronave, ma sbrigati a venire qui da me.

A occhio e croce

14 novembre 2016

Sarà passato più di un anno quando Nando e Davide di Cartaresistente mi hanno coinvolta nel progetto “In busta chiusa“, serie di post alfabetici illustrati da Davide Lorenzon, i cui testi sono prodotti dagli autori che collaborano col loro bel blog.

Quello che leggerete venerdì 18 novembre è un racconto ispirato da tre parole accomunate dall’iniziale “U” ma lontane, lontanissime tra loro. Un testo frigorifero, alieno e col frustino. Lontane anche nel tempo. Lo rileggo oggi e, a occhio e croce, mi pare che l’abbia scritto qualcun altro.

Perché ho scelto la U? Sembra una calamita, di quelle con cui giocavo da bambina. Il polo positivo e negativo che si guardano in faccia e non arrivano a toccarsi mai. Sembra anche un ferro di cavallo, che rende stabile il passo. U è un lungo comignolo. U è una curva a gomito. U è una vocale lunga, che si stiracchia, buona per un buongiorno in una mattina nebulosa di novembre come questa.

Dalla Bottega di narrazione, 5: Cosimo Lupo

10 giugno 2016

Cosimo Lupo non è pazzo, come potrebbe sembrare. Tutt’altro. Tutt’altro. E vi piacerà da impazzire. Forza, editori, non fatevelo sfuggire!

Bottega di narrazione - Corsi e laboratori di scrittura creativa

Domenica 12 giugno 2016, a Milano in via Tenca 7 (Spazio Melampo, ore 10-13), la Bottega di narrazione presenta a un pubblico di operatori dell’editoria un gruppo di nuove opere scritte da Cristiana Bernasconi, Luca Bonini, Alessandro Cecchinelli, Valentina Durante, Cosimo Lupo, e Patrizia Sorrentino. Per informazioni: bottegadinarrazione@gmail.com. Da oggi a domenica presentiamo brevemente le cinque opere.

Cosimo Lupo presenta così il suo romanzo ADA .39:

Oggi, 31 agosto 2014, io, Cosimo Lupo, mi sono fatto portare da un pallone sonda fino all’altezza di trentanovemila metri, per poi lanciarmi giù, in caduta libera. Ho portato con me un cubo di Rubik mescolato e memorizzato, da risolvere, senza guardare, durante la caduta.
Durante l’ascesa, guardando il mondo, tutto, ho selezionato le istanze da assegnare alle facce del rompicapo, costituendo il sistema mnemonico che mi consentirà di risolverlo: un gesto sportivo, una composizione musicale, una scultura…

View original post 55 altre parole

Dalla Bottega di narrazione: 2, Luca Bonini

9 giugno 2016

Una storia bellissima. Spero tanto che trovi un editore.

Bottega di narrazione - Corsi e laboratori di scrittura creativa

Domenica 12 giugno 2016, a Milano in via Tenca 7 (Spazio Melampo, ore 10-13), la Bottega di narrazione presenta a un pubblico di operatori dell’editoria un gruppo di nuove opere scritte da Cristiana Bernasconi, Luca Bonini, Alessandro Cecchinelli, Valentina Durante, Cosimo Lupo, e Patrizia Sorrentino. Per informazioni: bottegadinarrazione@gmail.com. Da oggi a domenica presentiamo brevemente le cinque opere.

Luca Bonini, Il lato oppposto della pelle

Si possono insegnare emozioni che non si è sicuri di possedere? Si può aiutare l’altro a guarire se non si è certi d’essere guariti?
La storia di Teresa, all’inizio bambina complicata allontanata dalla propria famiglia, poi giovane neuropsichiatra, incontra le storie dei ragazzi rotti che urlano, piangono, scappano, si innamorano, vivono nella comunità per adolescenti in cui si ritrova, quasi per caso, a lavorare. Il romanzo si muove dal racconto in presa diretta di ciò che accade in comunità, fuori e dentro…

View original post 328 altre parole

FP n. 117: 6 – Genere Maschile (su Cartaresistente)

30 dicembre 2014

Analisi: Il maschile è un enzima solitamente in grado di produrre gli atti e le funzioni proprie del maschio della specie umana. Può essere di tipo totale o relativo. In quest’ultimo caso se ne trovano tracce anche nella donna, riconducibili alla ben nota descrizione popolare “d. con gli attributi”, immagine efficace ma spesso non verificata all’osservazione diretta. Il maschile può rendere evidenti diversi aspetti di fragilità neurale connessi a un incompleto controllo della volontà da parte del paziente, a seconda che il m. abbia origine psicogena o riflessa. Non infrequente il caso di eccesso di maschilità, condizione di difficile contenimento, durante match sportivi o altri riti di origine ancestrale. Peraltro, con il confinamento del malato entro le mura domestiche, il maschile può gradualmente ridursi alla sua funzione primaria, svolgendo efficacemente un’utile azione di completamento al femminile, se presente nel medesimo soggetto (ad es. la cura della casa svolta con l’effettuazione di attività manutentive) oppure di contrasto allo stesso, quando di origine esogena (ad es. nella coabitazione con una donna). Non risultano ancora completati gli studi epidemiologici sulle congiunzioni ripetute tra maschile e femminile nella popolazione mondiale e, pertanto, sono di difficile valutazione i loro effetti a lungo termine sulla salute pubblica.

 

Continua a leggere su Cartaresistente.

FP n. 116: 5 – Eleganza, non è quella che vuoi (su Cartaresistente)

23 dicembre 2014

Analisi: L’eleganza è una condizione (detta anche “portamento” o “stile”) della persona che persegue una distinzione formale dalla popolazione circostante, nel periodo che va dall’inizio dello stato di veglia sino alla sua conclusione. Talvolta è di natura congenita, in tal caso essa non si interrompe col sonno. Se del primo tipo si parla di “e. a termine”, se del secondo, di “e. sine die”. In entrambi sono riscontrabili tratti narcisistici della personalità in misura variabile, più marcati nel caso di “e. a termine”. In letteratura medica si riscontrano casi di “e. immaginaria”, stato psicopatologico di talune persone ineleganti che desiderano vivamente la riuscita sociale, interpretando come fenomeni di eleganza segni e sintomi di origine diversa (accostamento irresponsabile di capi firmati, gestualità e/o fraseologia eccessiva, citazionismo, ecc.). L’eleganza è una malattia sociale, normalmente a decorso benigno, con completa remissione dei sintomi entro il termine dell’attività lavorativa (si è notata un’incidenza irrisoria o nulla dell’e. nel precariato). Nei casi più gravi l’eleganza diventa permanente, con complicanze che spesso sfociano nella paralisi e necessitano di ricovero a vita presso strutture di ricovero attrezzate, quali i musei delle cere.

 

Continua a leggere su Cartaresistente.

FP n. 115: 4 – Sono sensuale, sì… (su Cartaresistente)

16 dicembre 2014

 

Analisi: La sensualità è una condizione nella quale i sistemi di contrasto agli agenti eccitanti nell’ambiente sono poco efficaci. Causa primaria della sensualità è una eccessiva sensibilità del sistema nervoso periferico a carattere congenito, ma sono possibili accessi di sensualità conseguenti al verificarsi di importanti fattori esterni quali: l’approssimarsi di eventi o incontri di rilevanza erotica o emotiva; la lettura o visione di testi o spettacoli che sollecitano l’attivazione sensuale, eventualmente anche riferiti ad argomenti in apparenza estranei, quali cibo, ballo o vacanze in località esotiche. In alcuni casi si riscontrano picchi di sensualità conseguenti alla prossimità di persone di riconosciuta autorevolezza in vari campi quali l’economia, la politica, lo spettacolo. La sensualità si esplica con l’ammorbidimento della voce e dei gesti e con il prodursi in atteggiamenti, spesso non percepibili se non a seguito di un’attenta osservazione, tali da procurare una sensazione di piacevolezza a carico del sistema nervoso periferico, sia della persona che li attua che, non infrequentemente, anche di chi si trovi in contatto visivo o verbale con quest’ultima. L’eccesso di sensualità può sfociare in episodi parossistici, esibizionismo, molestie. Al primo insorgere di tali sintomatologie si raccomanda di evitare il contatto con la popolazione sana e di assumere ingenti dosi di notiziari dai mass media.

 

Continua a leggere su Cartaresistente.

FP n. 114: 3 – Romanticismo?… (su Cartaresistente)

9 dicembre 2014

 

Analisi: Il romanticismo è una pratica sentimentale, effettuata da soli o più raramente in coppia, tendente alla riproduzione del piacere derivante da una relazione piena ed appagante, mediante l’eccitamento verbale o visuale della fantasia. È detto anche sentimentalismo e, sia pure impropriamente, idealismo. Il romanticismo è frequente nell’infanzia, specie nelle bambine in isolamento televisivo e con difficoltà di contatto con la realtà (ad es. in presenza di conflitti coniugali tra i genitori), non solo come surrogato di una realtà soddisfacente ma anche per superare una tensione; la sua frequenza diminuisce in età adulta, più nell’uomo che nella donna. In passato il Romanticismo, in opposizione all’illuminismo, è stato considerato una pratica spregevole a causa della pericolosa evasione dalla realtà che espone chi lo pratica a contaminazioni con sette religiose e movimenti magici, spesso fonte di gravi emorragie di denaro per il singolo ed epidemie di disordine sociale. Dai primi dell’Ottocento, invece, con la crescente emersione della classe borghese, tali inclinazioni hanno assunto un significato positivo, fino a raggiungere, ai nostri giorni, caratteristiche di imprescindibilità personale e sociale, con il conseguente deterioramento di tali ambiti, ormai sotto gli occhi di tutti.

 

 Continua a leggere su Cartaresistente.

FP n. 113: 2 – Un po’ di sana vergogna (su Cartaresistente)

2 dicembre 2014

 

Analisi: La vergogna nell’uomo è un’infezione della personalità determinata da fattori endogeni. Di solito si tratta della conseguenza di fraintendimenti, comportamenti scorretti oppure derivanti dalla manifestazione di una temporanea incapacità di intendere e volere. Le spore di questa malattia si alimentano dell’insicurezza presente negli strati più profondi della personalità, determinando in essa lesioni caratterizzate da rossore e da un’improvvisa chiusura al mondo esterno, quando non causano accessi di collera (cfr. FP n. 112) ingiustificata verso l’oggetto o la persona alla base dell’evento scatenante. La vergogna ha generalmente un decorso benigno, trovando nello scorrere del tempo un ottimo palliativo, pur non potendo quest’ultimo operare una rimozione definitiva dei fattori scatenanti. È possibile, peraltro, mitigarne gli effetti opponendovi dosi crescenti di ironia e ottimismo. Si è osservato anche che l’esposizione alla compagnia di buoni amici ne accelera la guarigione. Se non curata efficacemente possono, invece, verificarsi episodi di autolesionismo di varia intensità, più raramente con esito mortale.

 

 Continua a leggere su Cartaresistente.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: