Posts Tagged ‘LIB21’

Segnalazioni

4 dicembre 2013

.

baci a buon mercato

Baci a buon mercato, costano quanto un biglietto Metrebus.

#1

Tutto a 1 euro e 50 (o quasi)

La prima mail che ho ricevuto stamattina conteneva questa frase: “complimenti, caro narratore. Non vediamo l’ora di conoscerti di persona e sollevarci il cappello al tuo cospetto in segno di riguardo.”

.

Giorni venduti a saldo dai negozianti intenti a svendere la merce, come  dai PD con quelle belle facce, dai materani che svendono i sassi -prima di perderli nel Final bradisisma, stavolta assicurano almeno senza la regia di Gibson-.

Alla faccia della crisi, si muove invece in totale controtendenza la giuria del Rarestorie contest indetto da Dudemagazine, che ha ritenuto di includere nella rosa dei selezionati per la pubblicazione anche un mio racconto, e che realizza l’antologia in un’edizione limitatissima di sole cinque copie –immagino vendute a caro prezzo-, con premiazione effetto-Oscar dei primi tre classificati il 19 dicembre dalle 19 presso la libreria Scripta Manent in via Pietro Fedele 54, Roma, durante la serata Hey, Dude!

.

 

Come minimo dovremmo essere in dieci, gli autori dei racconti:

Senza Titolo di Giulia Caminito

Metabasi di Riccardo Bartali

Morire è non essere visti di Gemma Salvadori

Troppo sensibile di Antonio Romano

Le mutazioni del tempo di Francesca Perinelli

Uno strano feticismo di Giorgia Lorenzini

La canzone di Berryblue di Serena Rossi

Solo una torta di Alessandro Lanferdini

Massacri Moderni di Sandro Limaj

Sora nostra morte corporale di Luca Dante Ortolani

Se qualcuno di voi fosse intenzionato a passare, me lo faccia sapere.

(Hai ragione caro, con me sempre robbetta de classe. Sono indecisa tra l’abito rosso con le spalline di strass Swarovsky o il tubino nero, vista l’ora da cocktail).

.

#2

Dare spazio al lavoro – Un evento LIB21

Terzo incontro – 5 dicembre 2013, del trittico “Fare con poco”

Promosso da LIB21 e da NexT – Nuova economia X tutti, grazie al supporto della Consulta Professione Iunior dell’Ordine degli Architetti di Roma dedicato a una riflessione sugli spazi ‘vuoti’ della città considerando le esperienze in atto di riuso di alcuni di questi luoghi in un confronto con le amministrazioni a cui spetta il governo del territorio.

La tavola rotonda coordinata da Lapo Berti e Rossella Aprea, si terrà Giovedì 5 Dicembre dalle ore 17.30 alla Casa dell’Architettura piazza Manfredo Fanti, 47. Parteciperanno: Francesco Raparelli (Officine Zero); Laura Calderoni (OpenCity); Giuseppe Allegri e Roberto Ciccarelli (Quinto Stato); Fabio Massi(ACTA); Valentino Bobbio (NexT); Paolo Deganello (LIB21); Aldo Bonomi (sociologo, AASTER).

I lavori saranno conclusi dal Vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio.

Altre info su:

https://www.facebook.com/OzOfficineZeta

http://www.actainrete.it/

http://www.ilquintostato.org/

http://www.openhouseroma.org/2013/

https://www.facebook.com/lib.ventuno

Sarah Palermo, ufficio stampa di LIB21:

http://sarahpalermocurator.wordpress.com/

Se anche tu hai voglia di partecipare, di far sentire la tua voce, di condividere il dibattito e le riflessioni che ne nasceranno, vieni alla casa dell’Architettura a partire dal 28 Ottobre 2013, oppure manda una mail alla redazione lib21mail@gmail.com o segui l’evento su Facebook “Fare con poco”

FARE CON POCO, il volantino

.

“La città: un’opera collettiva”. A Roma il 13 novembre.

12 novembre 2013

Mercoledi` 13 Novembre 2013 ore 17.30

Peter Fischli e David Weiss, Pitagora si stupisce del suo teorema

.

Accade domani a Roma. Una nuova iniziativa degli amici di LIB21:

.

Condividere il progetto Il romanzo della citta`

Casa dell’Architettura, piazza Manfredo Fanti 47, Roma

Tavola rotonda con le letture della citta` dello scrittore Edoardo Albinati, del regista Amedeo Fago, della semiologa Isabella Pezzini, della giornalista RAI Rossana Livolsi

Presentazione di tre video sugli spazi urbani curati da Emma Tagliacollo, filmmaker Dominga Colonna per OZ Officine Zero, con interviste a:

Fabio Di Carlo e Monica Sgandurra su piazza San Silvestro Maria Margarita Segarra Lagunes e Valeria Sassanelli sul Tevere e Roma

Luca Zevi e Annalisa Metta su Villa Ada e la Coffee House

L’incontro sara` un’occasione di confronto per rileggere il romanzo della citta` condividendone il progetto.

Un nuovo appuntamento di LIB21 presso la Casa dell’Architettura a Roma.

Di più nell’articolo di Emma Tagliacollo su LIB21.

.

Segnalazioni

22 ottobre 2013

Nulla sfugge al Bersagliere

.

#1

MAIL BOMBING – Un appello da Melting Pot

Portiamo l’appello per un canale umanitario sul tavolo del Consiglio europeo del 24 e 25 ottobre

In oltre 20.000 abbiamo chiesto l’immediata apertura di un canale umanitario fino all’Europa come risposta a quanto avvenuto lo scorso giovedì 3 ottobre nelle acque del Canale di Sicilia. Tutti l’hanno invocato, lo hanno ipotizzato, ma nessuno dei governi europei ha voluto attuarlo concretamente.

Il prossimo 24 e 25 ottobre i Capi di Stato dei Paesi Membri si riuniranno a Bruxelles. Tra gli argomenti all’ordine del giorno ci sarà anche quanto accaduto a Lampedusa: si discuterà, dicono, di prevenzione, cooperazione, solidarietà e protezione internazionale.

Ma quale idea di prevenzione hanno i Governi europei? Quale idea di cooperazione? Quale idea di solidarietà? Quale idea di protezione dei rifugiati?
Lo abbiamo già sentito in queste settimane. E se prevenire significa mantenere questo sistema mortale di leggi nazionali e confini, se cooperare significa stringere accordi bilaterali che blocchino le partenze di chi invece fugge da guerre e persecuzioni, se solidarietà significa ingabbiare i rifugiati nel sistema Dublino, se proteggere i rifugiati significa affidare ai radar militari la possibilità di salvarli (sempre che abbiano la fortuna di essere individuati e soccorsi e non respinti), è di un’altra Europa che abbiamo bisogno.

Abbiamo raccolto migliaia di firme ma non saremo noi soli a parlare per tutti.

Il 24 e 25 ottobre, in concomitanza con il vertice europeo dei capi di stato inviamo insieme, tutti i firmatari, all’indirizzo di posta elettronica del Consiglio europeo, presse.centre@consilium.europa.eu l’appello per l’apertura di un canale umanitario fino all’Europa, oppure a portiamolo alle ambasciate, agli uffici UE, alle Prefetture.

Vai:

- al testo dell’appello da inviare via mail

Scarica: :
- Il testo dell’appello da allegare alla mail

Progetto Melting Pot Europa
Uff. Stampa 049 9816789
Fax 049 664589

.

#2

FARE CON POCO – Un Evento LIB21

LIB21 esce “allo scoperto”, in collaborazione con NEXT e l’Ordine degli Architetti di Roma e Provincia, con tre appuntamenti pubblici a Roma, presso la Casa dell’Architettura dal 28 ottobre al 5 Dicembre alle ore 17,30 per discutere degli effetti che la crisi ha prodotto sulla qualità delle nostre vite.

Primo incontro – 28 ottobre 2013, “Fare con poco. Realizzare nuovi stili di vita”.
Fare con poco, rispettando le risorse limitate di cui disponiamo, ma senza rincorrere illusioni pauperistiche, facendo appello all’intelligenza, alla creatività, alla tecnologia. Alcune persone con creatività, coraggio e convinzione ci sono riuscite e ci racconteranno le loro esperienze.

Secondo incontro – 13 novembre 2013, “Condividere il progetto: il romanzo della città”.
Vivere la città, “condividerne il progetto”, valorizzare e utilizzare nella nostra contemporaneità quegli spazi ricchi di storia, ricchi di fascino, per riuscire a garantirne la vitalità senza privarli del carico di memoria che portano in sé.

Terzo incontro – 5 dicembre 2013, “Dare spazio al lavoro”.
Dare spazio al lavoro, non solo come richiamo alla dignità degli individui, che nel lavoro trovano la loro primaria espressione, ma la necessità che al lavoro vengano garantiti “spazi” per esprimersi, per realizzare, per “fare”. Il riuso di strutture per lo più pubbliche, abbandonate e dismesse, è al centro della discussione tra nuove professioni e professionisti che guardano al futuro, tra sprechi urbanistici e pubbliche amministrazioni assenti o incapaci di dare risposte e di progettare davvero un futuro.

Se anche tu hai voglia di partecipare, di far sentire la tua voce, di condividere il dibattito e le riflessioni che ne nasceranno, vieni alla casa dell’Architettura a partire dal 28 Ottobre 2013, oppure manda una mail alla redazione lib21mail@gmail.com o segui l’evento su Facebook “Fare con poco”

FARE CON POCO, il volantino

.

I nuovi indicatori e la rete

26 aprile 2013

.

.

nuovi-indicatori

.

Di seguito un’anticipazione dell’articolo accennato Qui e pubblicato oggi dagli amici di LIB21 .

Buona lettura.

.

Ricette per un New Deal condiviso

.

Ha smesso di farmi ridere chi dà tutte le colpe dell’instabilità politica di questi mesi alla rete. Ha smesso dopo che ho visto, in tre giorni di fuoco, frantumarsi il PD, lo storico partito che formalmente aveva vinto le elezioni politiche, per ben altri motivi che una valanga di tweet, e subito dopo, vuoi per una somma di eventi tragicomici, vuoi per immaginabili macchinazioni, o per influenze “esterne”, bloccarsi sul congelamento della situazione preesistente, quella che aveva scatenato il ricorso alle elezioni dello scorso febbraio.

Ha smesso perché, il giorno dopo il pasticcio che ha portato all’acclamazione del Napolitano bis, dai media (e dal PD, va detto) si sono levati cori unanimi di protesta contro, nientedimeno che la rete.

In effetti, questa veicola messaggi in modo molto diverso da quello tradizionale: non più decisioni “calate” da una minoranza di strateghi istituzionali sopra una maggioranza passiva e silenziosa, ma una somma di temi condivisitra il mondo “reale” e quello istituzionale.

[…]
.

[Continua a leggere su LIB21]

.

Segnalazioni

1 dicembre 2012

primarie seggio

.

Di seguito un’anticipazione dell’articolo, ispirato dal post “Stringi stringi, una sola risposta conta“, pubblicato oggi dagli amici di LIB21 .

Buona lettura.

.

Questioni “Primarie” tra olio e petrolio

.

“In… In Puglia! Quanti oliveti abbattuti per realizzare quei maledettissimi campi fotovoltaici!”

“Certo, in Puglia”, l’ho ripreso, “da dove viene il grosso della produzione elettrica da fotovoltaico, con tutti gli squilibri alla rete che procura, per tacere d’altro.”

Il mio amico Michele, pugliese D.O.C., l’avevo incontrato domenica, in ascensore. Quindici secondi netti per una manciata di parole, poi le porte si sono aperte e sono uscita. Per intrufolarmi subito di nuovo, e fargli:

“Senti, solo per capire, ma è vero che in Puglia gli oliveti sono più che altro decorativi?”

“Che cosa dici?! Dove l’hai sentita questa grandissima baggianata?”

“Non può essere una baggianata, l’ho letta su internet”, ho sentenziato tra il serio e il faceto, mentre mi sfilavo nuovamente dalla tagliola delle porte. Però l’avevo letto veramente che con quelle piantesi può far tutto, tranne l’olio”.

.

[Continua a leggere su LIB21]

.

Segnalazioni

23 luglio 2012

#1. LIB21

Di seguito un’anticipazione dell’intervista allo sceneggiatore Pietro Papisca, pubblicata sabato scorso dagli amici di LIB21 con i quali, da che ho aperto questo blog, ho da poco ripreso a collaborare.

Enjoy.

Sceneggiatura ad energia interna

Lo scorso inverno ho seguito per due pomeriggi un suo workshop di introduzione alla scrittura cinematografica. Così ho conosciuto Pietro Papisca, uno sceneggiatore un po’ sui generis. Nel 1991 dagli studi visivi all’ Accademia di Belle Arti in scenografia è passato alla scrittura. Sulla sua strada ha incrociato Robert McKee (guru della sceneggiatura USA e Agenore Incrocci (in arte Age), ha frequentato il corso di perfezionamento per sceneggiatori della Rai, lavorato per la televisione e sviluppato diversi progetti per alcune case di produzione.

[Continua a leggere su LIB21]

———————————————————————————-

#2. Vibrisse

Inoltre, visto che due o tre lettori li ho perfino io, a quei due o tre (magari uno è andato al bagno), giro l’iniziativa di Giulio Mozzi.

Giulio, ti stimo moltissimo.*

😉

Il ricordo d’infanzia: un libro da fare

by

una proposta di Giulio Mozzi

Ho voglia di fare un libro. La voglia di fare questo libro mi è venuta leggendo altri libri.

Il titolo del libro da fare è: Il ricordo d’infanzia.

 

Vorrei raccogliere cento, mille, duemila ricordi d’infanzia. Non necessariamente primi ricordi d’infanzia. Ricordi di quando avevamo non più di otto anni. Ricordi, se possibile, autentici: cioè proprio ricordi personali, non ricordi attivati da racconti e rievocazioni di genitori e parenti. Non necessariamente, peraltro, ricordi “veri” nel senso comune della parola: la memoria dell’infanzia è piena di fantasie, sogni, immaginazioni – che non sapevamo allora, né sapremmo adesso, distinguere da ciò che ora, da adulti, consideriamo “vero”.

[Continua a leggere su Vibrisse]

*) Pina Fantozzi – Ugo ti stimo moltissimo


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: